GORILA Taylor 25350 Scarpe da Barca Unisex Comprar Barato 2018 Amplia Gama De Línea Nuevo Precio Barato Unisex Disfrutar En Línea 4QdYWgLl

SKU065592923
GORILA Taylor 25350, Scarpe da Barca Unisex
GORILA Taylor 25350, Scarpe da Barca Unisex </ototo></div>
                

                <span></span>
                

            </div>
            <div>
                 
 
                <div>
                     
 
                    <div>
                         
 
                        <div>
                             
 
                            <ul>
                                 
 
                                <li>
                                     
                                    <a href= Chi Siamo
  • INCI e Lista Rossa
  • Contattaci
  • Venta Barata 100% Garantizado Precio Barato Clásica Scarpe sportive grigie per bambina Heelys Visita Descuento Escoger Una Mejor Venta En Línea WYy9CY
  • Agricolashop utilizza i cookie per migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione. Se decidi di continuare acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni Tienda De Descuento Mizuno Scarpa Sportiva Crusader Jnr Bianco/Viola EU 36 US 45 Auténtico Y9n2pDiI6G

    x

    Nata per passione. Scelta per ispirazione.

    Clicca e ritira

    Scopri la novità di Agricola

    Estate senza zanzare

    Scarpe sportive casual nere con stringhe per unisex Compras La Venta En Línea De Salida Ose7Z

    Tuffi d'estate

    Buena Venta En Línea Recomendar Barato Sneakers rosse per bambina Del Envío Libre De Italia Menos De 70 Dólares db54m

    Barbecue Academy

    Scarpe sportive rosa per donna Asics Kanmei Los Mejores Precios Tienda De Precio Barato Salida Asequible Precio Increíble Envío Libre u9UHSoX

    Fresche promozioni

    Scopri i prodotti scontati

    Clicca e ritira

    Scopri la novità di Agricola

    Estate senza zanzare

    Scopri come

    Ordina online e ritira in Agricola.

    Novità

    Gli ultimi arrivi sul nostro shop online.

    29,
    2,
    0,
    Disponibile in negozio
    189,
    29,

    Le promozioni

    Scopri i nostri sconti esclusivi.

    Disponibile in negozio
    4,
    -40% 2,
    2,
    -24% 1,
    45,
    -30% 31,
    14,
    -33% 9,
    59,
    -16% 49,

    In vetrina

    Ultimi arrivi e promozioni.

    L'estate di Fido

    Consigli a quattro zampe

    Condividi su:
    Venta Al Por Mayor Del Mejor Navegar Salida Nike 859520002 Scarpe da Fitness Bambina Grigio Pure Platinum/Urban LilacWhite 365 EU 2018 Venta En Línea Unisex Mejores Precios De Venta En Línea El Envío Del Descenso 1xgOgGx

    Suggestioni senza tempo

    Condividi su:

    Fragranze Isole del Lago Maggiore

    Scopri l’arcipelago dei profumi

    Condividi su:

    Animali in vacanza

    Preparati alla partenza

    Condividi su:

    Piante in vacanza

    Scopri come curarle

    Condividi su:
    La Mejor Venta Éxito De Ventas En Línea Tommy Takkies Scarpe da Ginnastica Basse Donna Turchese Turchese Turquoise 38 Nicekicks Baratos 2nVSh

    Piscine e accessori

    close

    Articoli recenti

    ambiente data journalism fake news formazione hackathon open data professori Primigi PTV 7650 Sandali Bambino Blu Blu/Cielo 33 EU Comprar Nueva Llegada Barato FQMOUz
    Scarpe sportive multicolore per bambini Asics Gel Galaxy Envío Libre Recomienda Footlocker Imágenes Baratas Real Aclaramiento Geniue Almacenista FKhtT3syO6

    Archivi

    by Hacer Un Pedido Más Barato En Línea Barata Sneakers casual rosse con stringhe per bambini FXxWjCRqCj
    on open data spettacolo 200 views

    Il 6 aprile 2018, al Teatro Piccolo Orologio di Reggio Emilia, alle ore 21.00, andrà in scena per la prima volta “Copernico non ci credeva”, spettacolo di Rocco Gaudenzi (ricercatore all’Università di Delf) e Pablo Solari (regista e drammaturgo), prodotto dal Centro Teatrale MaMiMò e realizzato in collaborazione con il Comune di Reggio Emilia per il progetto “A scuola di Data Journalism”.

    La scelta della figura storica di Copernico non è affatto casuale. Il celeberrimo scienziato cinquecentesco è noto per essere stato il primo a teorizzare che la Terra non si trovasse al centro dell’Universo, come si era erroneamente creduto fino a quel momento. Tuttavia, passarono secoli prima che la sua scoperta fosse ufficialmente riconosciuta come legittima, per una ragione molto semplice, e a noi altresì famigliare: la difficoltà di utilizzare correttamente i dati a disposizione al fine di confermare la veridicità o meno di un fatto. La corretta fruizione dei dati, abbiamo imparato in questi mesi, non è assolutamente facile ed immediata: non lo è con gli strumenti di oggi, figuriamoci con quelli di 500 anni fa. Tant’è che, come recita il titolo dello spettacolo, Copernico stesso “non ci credeva”: nella sua opera più famosa infatti, “De revolutionibus orbium coelestium”, il primo a dichiarare di dubitare delle sue stesse intuizioni fu proprio lui.

    In vista del lancio dello spettacolo teatrale, il 28 marzo scorso si è tenuta in Municipio una conferenza stampa, presenziata dall’assessora Valeria Montanari, Enzo Motta di ARPAE Emilia-Romagna, Andrea Buratti e Andrea Delfino di Centro Teatrale MaMiMò, rispettivamente addetto all’ufficio stampa e attore dello spettacolo. Durante l’incontro, l’assessora Montanari ha sottolineato come la collaborazione tra il Comune e MaMiMò nasca con l’intenzione di far approcciare gli studenti coinvolti nel progetto “A scuola di Data Journalism” sia scientificamente che culturalmente al tema degli open data; è anche forte il desiderio di aprire il progetto all’intera città, dando quindi l’opportunità non solo ai ragazzi ma anche a tutti i cittadini di conoscerlo e avvicinarsi ai temi in esso illustrati. La realizzazione dello spettacolo ha poi lo scopo di riportare l’attenzione sull’importanza che il metodo critico speculativo, strumento nato come scienza moderna tra il ‘500 e il ‘600, ha avuto nella storia: la verità scientifica, infatti, si costruisce su prove altrettanto scientifiche derivanti dall’esperienza e dell’osservazione, e ha validità fintanto che non viene confutata. L’opera è perciò un’operazione di riflessione culturale su un tema che ha da sempre accompagnato l’uomo, e si vuole quindi restituire al pubblico l’idea che, prima di etichettare come veritiere determinate credenze e convinzioni, è necessario verificare che esse siano correttamente supportate dalla teoria critica della scienza. Ha preso poi la parola Enzo Motta, che ha voluto ricordare il ruolo rilevante di ARPAE nell’elaborazione tecnico-scientifica dei dati: l’Agenzia infatti collabora da anni con enti locali e scuole per la diffusione dei dati ambientali, cercando di divulgare una cultura dell’approccio verso le informazioni il più tecnico-scientifico possibile. Motta inoltre si è detto piacevolmente stupito del grande coinvolgimento e interesse che ha visto negli studenti durante la realizzazione del progetto, a dimostrazione del fatto che, contrariamente ai pregiudizi diffusi nella nostra società, gli adolescenti di oggi non vivono esclusivamente all’interno dell’universo dei social network disinteressandosi a tutto ciò che vi è di utile e di concreto nella realtà esterna. Infine, Andrea Delfino e Andrea Buratti di MaMiMò hanno spiegato come “Copernico non ci credeva” rappresenti un’ottima occasione di far incontrare la sfera teatrale con il mondo scientifico e per aprire ad un pubblico più ampio il tema delle fake news e della giusta interpretazione degli open data. Copernico è l’esempio di come un uomo vissuto mezzo millennio fa, con a disposizione i dati reperibili nei libri grazie all’invenzione della stampa, sia riuscito a compiere la sua rivoluzione svolgendo null’altro che un paziente lavoro di osservazione di ciò che aveva davanti e utilizzando, in maniera intelligente, tutto ciò che l’aveva preceduto. Al giorno d’oggi, il numero di dati che abbiamo a disposizione e le nostre opportunità di usufruirne sono decisamente aumentate rispetto ai tempi di Copernico, ma siamo purtroppo sempre più distratti, e ciò provoca l’incapacità di utilizzare i giusti criteri per leggerli. Chiunque può compiere la sua rivoluzione: sta solamente a noi imparare ad utilizzare i dati in modo corretto per far sì che ciò accada.

    Per conoscere meglio lo spettacolo e i suoi retroscena, abbiamo intervistato i due autori Pablo Solari e Rocco Gaudenzi , i quali hanno risposto separatamente ad ognuna delle nostre curiosità.

    Pablo : “Con Rocco ci conosciamo da diversi anni, siamo legati da alcune amicizie in comune e soprattutto dalla medesima città di provenienza e formazione, Pesaro. Ogni volta che abbiamo avuto l’occasione di incontrarci, nelle nostre conversazioni c’erano spunti che il tempo e la distanza — io vivo a Milano, Rocco a Berlino — non permettevano di approfondire. Creare uno spettacolo insieme è stata ed è soprattutto la possibilità di un confronto tra due mondi, quello scientifico e quello teatrale, che come vedrete non sono poi così distanti. Penso di poter parlare anche a nome di Rocco affermando che crediamo convintamente nella sinergia, nello scambio dialettico tra discipline diverse.”

    Rocco : “Diversità di formazione e specializzazione non implicano diversità di intenti. Quando due persone con questa comunanza d’intenti si incontrano, può sbocciare naturalmente un’armonica collaborazione ed è lì che la diversità diventa fertile. Il caso vuole che Pablo sia amico di un amico a me molto caro e che, tramite lui, abbia assistito all’ultima mia lezione annuale su scienza e filosofia in un piccolo teatro di Pesaro. La sua vorace curiosità e la mia necessità di espansione umanistica di temi scientifici — traccia forse della mia formazione classica — ha casualmente determinato l’incontro e l’inizio di una collaborazione per me preziosissima. Si dice: “Aiutati che il cielo t’aiuta”. “Cielo” o “caso” che sia, la conseguenza reale, cioè il fenomeno, è la stessa.”

    Pablo : “Lo stimolo nasce direttamente da Rocco e dalla sua maniera di raccontare la scienza, semplice e diretta: riesce a trasmetterti grande passione e voglia di comprendere. La parola, tra tutti gli elementi di cui si compone il Teatro, è forse il mezzo che più mi affascina sperimentare; confrontarmi con la parola al servizio della scienza, con il suo utilizzo meticoloso, a volte puntiglioso, è una sfida molto affascinante. Grazie anche ad un bravo e attento interprete come Andrea Delfino, che si è immerso nei temi come farebbe proprio uno scienziato, il linguaggio scientifico è diventato qualcosa di concreto e familiare, facile da raccontare, trasmettere e anche divertente.”

    Rocco : “Iniziamo col chiarire che la scienza è vita, nel senso che è innanzitutto un approccio al mondo. Per comprenderlo, i concetti scientifici nella fattispecie non servono: essi sono , risultati, di quell’approccio. Chi guarda la scienza da fuori vede questi prodotti , , e non la fabbrica, gli ingredienti elementari da cui essi conseguono. Togliere il velo di apparente complessità, ma non il potere, a questa magia è uno dei moventi della mia attività, e dunque anche dello spettacolo.”

    Pablo : “Il progetto è una riflessione sugli open data, spunto che ci è stato lanciato dal Comune di Reggio Emilia, che ringraziamo per la bella opportunità che ci ha offerto; dopo alcuni confronti con Rocco il tema si è definito più in generale sul rapporto dell’essere umano con i dati; da questa idea, e da una lettura pubblica tenuta dallo stesso Rocco, abbiamo pensato di dedicare lo spettacolo alla figura di Copernico. Non voglio però anticiparvi troppo, mi piacerebbe discutere con voi di questo collegamento a fine spettacolo.”

    Rocco : “La committenza, che ringraziamo — parlo anche a nome di Pablo —, lanciando la sfida sugli open data, ha stimolato la fusione tra alcuni argomenti della mia lettura pubblica e l’arte teatrale di Pablo, da cui lo spettacolo nasce.”

    Pablo : “Personalmente, è stata l’occasione per approfondire il mio punto di vista sull’argomento. Non posso negare che sia stato un percorso rivelatore, che mi ha permesso di rivalutare il presente grazie ad una lettura più approfondita del nostro passato; parliamo di letteralmente “ritornare dopo un moto di allontanamento”, e anche su questo cerco di non anticiparvi troppo…”

    Rocco : “Quando la domanda è ben posta contiene già la risposta, nella vita come nella scienza, che infatti è vita. È esattamente come suggerite: lo scopo principale della nostra decostruzione e ricostruzione del concetto di e è mostrare un punto di vista alternativo, più fondamentale, se permettete l’immodestia. Mi piace pensare che Socrate spogliasse i concetti di tutte le stratificazioni semantiche che ne ricoprivano l’essenza, come molti vestiti l’uno sull’altro nascondono la forma di un corpo. Nelle lezioni, come anche in questo spettacolo, aspiro sempre e solo a fare un lavoro socratico sul punto di vista.”

    Pablo : “Lo spettacolo è assolutamente consigliato a chiunque, può essere una bella occasione per entrare in un argomento di cui si parla poco, il rapporto dell’uomo con i dati. Più specificatamente, si interroga sulla maniera in cui gli esseri umano decifrano il mondo che li circonda. Anche se sembra un tema molto intellettuale e filosofico, abbiamo cercato di renderlo divertente e ironico, abbiamo passato molto più tempo a ridere che a interrogarci sull’ontologia dei fenomeni. Direi che sì, è assolutamente adatto a tutti.”

    Rocco : è una forma della sostanza , i dati. L’aggettivo determina la sostanza del dibattito etico, economico e politico — che è congiunturale —, la seconda forza ad una riflessione sull’essenza e potenza della risorsa. Lo spettacolo innanzitutto discute quest’ultimo, e dunque proprio, come dite, il significato, più essenziale, del concetto. Una volta che questo punto di vista, come diciamo sopra, è chiaro, il dibattito sull’apertura o chiusura nella fattispecie si può affrontare.”

    Pablo : “È un paradosso che articoliamo in diversi snodi dello spettacolo. Una grande lezione che ci ha dato Copernico è che dalla verità non si sfugge, qualsiasi ostacolo gli si imponga col tempo riesce sempre ad imporsi, è l’essere umano che ha bisogno della verità; le fake news sono fini a sé stesse, digitali e non: sarà il tempo a mostrarle per quello che sono.”

    Rocco : “Vedete, il paradosso è solo apparente: se faccio un esperimento su un sistema di cui vedo solo una parte o non controllo completamente — un sistema, per esempio, che è viziato da qualcosa di cui non mi rendo conto —, il sistema genera dei dati che, benché reali, non descrivono il fenomeno che penso di stare misurando. Potrei dunque, o meno, produrre e diffondere un’informazione, o lettura della realtà, falsata, cioè in cui il mio pensiero presunto su un fatto è associato erroneamente al fatto. Come qualsiasi altra realtà umana, la scienza non è immune da questo meccanismo. Ma ha “inventato” un paio di espedienti per limitare il danno: il costante confronto con una comunità di pari con cui si discute e che può riprodurre un esperimento; e il primato del dato numerico su quello percettivo. Normalmente, il primo elemento — mostrare ad altri quello che stai facendo e come lo stai facendo — è sufficiente per renderti conto di dove sbagli, della tua deriva. Come vedete, è il semplicissimo principio del punto di vista.”

    Curiosi di vedere ciò che verrà proposto durante lo spettacolo teatrale, ringraziamo i due autori per il tempo a noi dedicato: appuntamento a venerdì 6 aprile al Teatro Piccolo Orologio di Reggio Emilia con “Copernico non ci credeva”. L’ingresso è libero, fino ad esaurimento posti.

    Elisa Castagnetti e Francesca Zago

    “Come nasce la collaborazione tra di voi, che siete due persone con una formazione completamente diversa?”

    Questo sito fa parte del gruppo Citynews: proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. La Redoute Mademoiselle R Donna Sandali Vernice Dettaglio Floreale Taglia 37 Blu Para La Venta Comprar En Línea Auténtica Barato Real Aclaramiento Barato 2EM3qArpkK
    . Ti chiediamo anche il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze. Potrai rivedere la tua scelta in qualsiasi momento, cliccando nel link " Scarpe sportive per uomo Magideal Estilo De La Moda De Salida 2018 Nueva Venta Online rjaC4
    " in fondo a tutte le pagine dei siti Citynews.

    Mostra tutte le finalità di utilizzo

    Powered by

    Sezioni
    Accedi

    Appio Claudio / Cinecittà / Viale Appio Claudio

    Residenti chiedono trasparenza sul futuro degli alberi

    Fabio Grilli
    Condivisioni
    1 Commento
    I più letti di oggi
    Approfondimenti

    Ci sono degli alberi contrassegnati con della vernice rossa sul tronco. Si trovano in viale Appio Claudio, uno degli accessi al parco degli Acquedotti , nel VII Municipio. La presenza di questi simboli, apparsi da qualche giorno sulla corteccia dei pini, desta preoccupazione.

    parco degli Acquedotti

    La tecnica è stata osservata anche in altre zone della Capitale, come ad esempio alla Garbatella. L'idea di contrassegnare degli alberi in un modo tanto appariscente quanto incomprensibile ai cittadini, mantiene vivo un tema caro all'amministrazione pentastellata: la trasparenza. E proprio su questo argomento sono stati sollecitati Campidoglio e Municipio dall'associazione ParteCivile.

    "Abbiamo scritto alle istituzioni cittadine e municipali per chiedere informazioni sul destino di questi pini – spiega Guido Marinelli, vicepresidente dell' associazione ParteCivile – abbiamo trovato pini marchiati con un puntino, altri con un 'X' altri ancora con un numero. Cosa significa? Se vogliono abbatterli, chiediamo all'amministrazione di comunicarlo con dei cartelli che abbiano un preavviso di almeno trenta giorni". Secondo l'associazione, sui questi avvisi pubblici dovrebbero essere riportati dati relativi sia alla perizia eseguita che sulla successiva ripiantumazione.

    associazione ParteCivile avvisi pubblici dati relativi sia alla perizia eseguita

    Una richiesta molto simile era stata di recente avanzata dai Verdi . All'assessora all'Ambiente era stato proposto di pubblicare le perizie agronomiche sugli alberi da abbattere in un apposita sezione del sito del Comune. "almeno dieci giorni prima di accendere le motoseghe". Due proposte che s'inscrivono nel stesso solco: quello tracciato da chi è interessato a garantire la giusta trasparenza sul destino delle alberature romane.

    Associazione Fornitori Ospedalieri Regione Puglia

    Recover your password.

    A password will be e-mailed to you.

    AFORP - Associazione Fornitori Ospedalieri

    LEGGI VIVILASANITA'
    UFFICIO STAMPA
    Precio Más Barato El Precio Barato Las Fechas De Publicación Venta Gola Tempe Scarpe Sportive Indoor Donna Grigio Black/Charcoal 40 EU Venta La Cantidad De La Venta En Línea Venta Barata 100% Originales 7NLdsaW
    43

    Dichiarazione del presidente del gruppo dei Conservatori e Riformisti, Ignazio Zullo L’assistenza domiciliare è un servizio sanitario talmente importante che una Regione dovrebbe sentire il dovere di assicurarlo nel migliore dei modi. La Regione Puglia dovrebbe avvertirlo anche di più dopo aver redatto un Piano di Riordino Ospedaliero che non piace a nessuno!

    Infatti, nel momento in cui vengono chiusi alcuni ospedali e molti reparti potenziare le “cure domiciliari” può costituire una valida alternativa all’ospedalizzazione per le persone affette da particolari patologie. Sono pazienti che fra le mura domestiche e con la vicinanza della propria famiglia possono trovare giovamento non solo fisico, ma anche psichico. Senza contare il risparmio dei costi sulla collettività.

    Chiaramente perché questo avvenga occorre che il servizio deve essere offerto a livelli ottimali. Di fatto in Puglia il servizio non è solo carente, ma è totalmente disorganizzato e per questo non è assolutamente di supporto né al medico di base e né alla famiglia. Nella migliore delle ipotesi vengono effettuate prestazioni una tantum nell’arco della giornata, spesso nell’arco della settimana.

    Di qui la conseguente e affannosa ricerca di cure ospedaliere. Per questo motivo abbiamo presentato una mozione che “ impegni il Presidente Emiliano e la Giunta a potenziare le cure domiciliari determinando indirizzi omogenei di organizzazione e gestione dei servizi delle cure domiciliari in rapporto a criteri demografici e a tassi di prevalenza delle fragilità valutati in ciascuna ASL con la contestuale regolamentazione dei requisiti organizzativi con particolare riferimento al personale da individuarsi sul piano quantitativo e professionale”.

    Continue Reading
    Twitter
    Scarpe sportive blu navy per uomo Comprar Tienda Barata Excelente Venta En Línea ZXRE9

    Prev Post

    FORNARINA Sneakers Trendy donna peltro Venta Barata Genuina 79rRWSgHh

    Next Post

    Parlamento, i ricchi e poveri della sanità

    More from author

    Pubblicata l’edizione di Giugno del magazine “Vivilasanità” –…

    Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Massa Carrara
    Contatti
    via San Martino 1/A, 54033 Carrara Tel 0585.776883 Fax 0585.776883
    Email
    segreteria: ordine@architettimassacarrara.it PEC: Ordine: oappc.massacarrara@archiworldpec.it presidenza: presidente.massacarrara@archiworldpec.it
    Orari al pubblico
    lunedì: 10:30 - 12:30 martedì: 10:30 - 12:30 mercoledì: 15:00 - 19:00 giovedì: 15:00 - 19:00 venerdì: 10:30 - 12:30
    Ordine
    Iscrizione e Moduli
    Servizi riservati
    Trova un architetto
    Copyright © Ordine Architetti P.P.C. di Massa Carrara